Maracanazo: storia di una sconfitta epica

16 luglio 1950- Ci sono alcune partite di calcio che entrano nella storia di una nazione.

 Se pensiamo al Brasile, cinque volte campione del Mondo, però non parliamo di una vittoria ma del Maracanazo del 1950, quando nel mondiale di casa i brasiliani vennero sconfitti dall’Uruguay.

Un mondiale anomalo quello del 1950 che si chiude con un solito girone finale che ironia della sorte mette di fronte il Brasile padrone di casa a cui basta un pareggio e l’Uruguay che deve vincere per forza.

L’atmosfera al Maracana in un Maracana strapieno, stimati 173.850 paganti, ma presenti molte più persone che avevano un solo obiettivo festeggiare a fine gara il primo mondiale del Brasile.

Il risultato sembra già scritto tutti danno il Brasile vincitore a partire dai politici brasiliani e dall’inventore della coppa, Jules Rimet e l’andamento della partita sembra andare in quella direzione con i brasiliani che attaccano per tutto il primo tempo ma non riescono a segnare.

All’inizio della ripresa il Maracana esplode grazie al gol di Friaça, che portava in vantaggio il Brasile mettendo quasi un punto alla vittoria mondiale, ma i brasiliani forti della loro filosofia di gioco che li porta sempre all’attacco continuarono ad attaccare.

L’ Uruguay dall’altra parte con la grande calma trasmessa dal grande leader e capitano Obdulio Varela riuscì grazie a Schiaffino, il suo miglior giocatore, a pareggiare e al minuto 79 con la complicità del portiere Barbosa, Ghiggia segna il 2-1 per un clamoroso sorpasso che ammutolisce il Maracana e regala un inaspettato secondo titolo mondiale all’Uruguay.

Una sconfitta incredibile che provocò sul momento diversi infarti allo stadio e molte persone si suicidarono e come in un romanzo il capitano dell’Uruguay Varela la stessa sera si ritrovò nei bar di Rio de Janeiro a bere con gli affranti tifosi brasiliani

Formazioni

URUGUAY: Máspoli, M. Gonzáles, Tejera, Gambetta, Varela, Andrade, Ghiggia, Peréz,

  Miguez, Schiaffino, Morán   C.T Lopez Fontana

BRASILE: Barbosa, Augusto, Juvenal, Bauer, Danilo, Bigode, Friaça,

Zizinho, Ademir. Jair, Chico    C.T Costa

Risultato Finale: 2-1

Marcatori:  47’ Friaça (B), 66’ Schiaffino (U), 79’ Ghiggia (U)

articoli correlati

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

condividi

Ultimi articoli

Cosa mangiare dopo un allenamento serale?

Chi pratica un'attività sportiva da professionista è in grado di organizzare gli orari di allenamento quotidiano in modo costante e meticoloso riuscendo...

Il Bournemouth è pronto a fare causa alla goal line technology

Ad inizio Giugno vi avevamo parlato del clamoroso errore commesso dalla Goal Line Technology durante la prima partita di Premier League del...

NBA, al via le prime amichevoli

In attesa della ripresa della stagione, prevista per il 30 luglio, le 22 squadre riunite nella “bolla” hanno riassaggiato un po' di...

Nadia Comaneci: la perfezione nella ginnastica

18 luglio 1976- Nadia Comaneci una ragazzina di 14 anni di nazionalità rumena cambiò per sempre la storia della ginnastica artistica.

Maracanazo: storia di una sconfitta epica

16 luglio 1950- Ci sono alcune partite di calcio che entrano nella storia di una nazione.  Se pensiamo al...