Serie A Femminile, non si riparte e titolo non assegnato

0
429
Serie A Femminile

Il Consiglio Federale ha deliberato nella giornata di ieri che la Serie A Femminile non riprenderà le ostilità sul campo. Oltre a questo, è stato anche stabilito che il titolo 2019/2020 non verrà assegnato.

Con l’ausilio dell’algoritmo, di cui tanto abbiamo sentito parlare, sono state decretate le qualificazioni alla prossima Champions League Femminile di Juventus e Fiorentina ma anche le retrocessioni in Serie B per Orobica a Tavagnacco.

Parteciperanno invece al prossimo massimo campionato il Napoli e il San Marino, promosse dalla serie cadetta.

Delusione per la scelta del Consiglio Federale

L’Italia diventa così l’unico Paese a non aver voluto conferire il titolo. Ecco il commento di Ludovica Mantovani, presidente della divisione femminile, a proposito della decisione presa dal Consiglio Federale:

Continuo ad essere convinta che abbiamo perso una grande opportunità

Continua la lotta per il passaggio al professionismo

Intanto le ragazze del calcio nostrano sono tornate ad “alzare la voce”, tramite un comunicato stampa apparso su Assocalciatori, per trasformare il proprio movimento da dilettantistico a professionistico:

Quello che appare in sintesi ai nostri occhi è che il nostro sistema va riformato. È tempo di decidere quale direzione dobbiamo prendere perché situazioni simili non sussistano più. Siamo le calciatrici della Serie A Femminile, si parla di noi e delle imprese della Nazionale di cui alcune di noi fanno parte e che sentiamo nostra. Ma è ora di garantire le giuste tutele a tutte quante, uno status da professioniste e condizioni reali di professionismo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here