Kung Fu: una disciplina di 1500 anni

Il Kung Fu esiste da secoli, più precisamente da 1500 anni circa, ed è una delle discipline più praticate in Cina. Con questo vocabolo – che ha avuto successo soprattutto grazie al cinema di Hong Kong – si fa riferimento all’insieme di tutte le arti marziali cinesi.

Sempre più centri negli Stati Uniti e altrove compiono ricerche scientifiche per dimostrare i benefici delle arti marziali cinesi sulla salute, ma già da un primo periodo di pratica è lo stesso praticante a notare dei miglioramenti nel suo modo di muoversi e nel suo modo di percepire l suo corpo nello spazio. Ovviamente il riferimento alla parola Kung Fu è piuttosto generico, difatti esistono centinaia di stili tra cui quelli più noti e praticati nel mondo come:

  • Lo Shaolin, stile madre per eccellenza da cui derivano la maggior parte degli stili definiti “esterni”, cioè quelle tipologie di pratiche che impiegano maggiormente la forza muscolare per contrastare l’avversario e che tendono a sviluppare potenza, velocità e forza fisica.
  • Il Tai Chi è il riferimento degli stili interni che si basano sullo studio e lo sviluppo della forza interna dell’individuo, quindi un lavoro ancora più profondo che ha benefici su corpo e mente.

La grande suddivisione degli stili di arti marziali cinesi quindi si basa soprattutto sulla tipologia di pratica fisica e le due grandi macro suddivisioni sono tra stili esterni e stili interni.

Oltre a queste due branche principali poi, si possono fare ancora altre categorie come: gli stili del nord, gli stili del sud, gli stili imitativi. I primi due sono divisi per aree geografiche ponendo come centro il Fiume Giallo della Cina, un tempo considerato il principale elemento di confine nel Paese; il terzo è invece un gruppo di stili che prendono ispirazione dalle movenze tipiche degli animali, come la tigre, il drago e la mantide.

Acquisendo delle nozioni di base su quello che la parola Kung Fu rappresenta, comprenderai anche tu come dietro a questo mondo esiste una cultura vasta e caratterizzata da molteplici sfaccettature.
Gli stili, le pratiche, i Maestri sono a migliaia, di conseguenza per chi si avvicina alla pratica può a volte essere complesso riconoscerne il vero valore.

Quindi, come riconoscere un valido percorso? Ecco alcuni degli elementi che consentono allo studente di comprendere se sta seguendo una buona scuola di arti marziali cinesi:

  • Programma: il praticante segue programmi per ogni momento della sua pratica in base al suo livello, quindi partendo da un programma per principianti che gli consenta di acquisire tutte le basi, fino ad un programma avanzato che lo porti a sviluppare tutte quelle caratteristiche che lo renderanno un praticante completo a 360°.
  • Gradualità: qualche volta capita per chi si avvicina al Kung Fu di trovare situazioni in cui gli esercizi proposti non siano alla propria portata, questo porta un po’ di frustrazione iniziale, motivo per cui è fondamentale seguire un percorso che con gradualità porti l’allievo da principiante ad esperto.
  • Obiettivi: gli obiettivi sono uno degli elementi più importanti nella pratica, soprattutto all’inizio, ecco perché è importante dare a sé stessi e trovare nella scuola degli step precisi, come esami di fine stagione per verificare le nozioni acquisite e competizioni che possano creare momenti di confronto positivi, stimolando il miglioramento dello studio.
  • Condivisione: in una scuola l’aspetto sociale e gerarchico ricompre un ruolo importante, condividere con dei compagni un percorso è stimolante e porta sia a migliorarsi sempre di più che al confronto costruttivo con l’altro.
  • Supporto: infine, ma di vitale importante avere una Guida competente che ti faccia crescere nel tuo percorso con buoni consigli, esempi pratici e che faccia da modello sta alla base. Riconosci un valido Maestro di arti marziali innanzitutto dalle sue qualifiche, dai suoi titoli di studio sportivi, dal fatto di essere parte di un contesto in cui all’apice ci sia una Guida da cui continua ad aggiornarsi e dal suo comportamento in linea con i valori dell’arte marziale cinese come rispetto, lealtà, pazienza.

Ogni praticante compie un percorso all’interno della scuola insieme agli altri, ma soprattutto con sé stesso e l’arte marziale lo può aiutare nel fornirgli quegli strumenti utili per affrontare ogni tipo di situazione che si presenti. Affrontare i propri timori, le proprie paure, avere un comportamento rispettoso degli altri e delle regole fa bene a grandi e piccoli, aiuta ad autodisciplinarsi, a fare scelte più sane per la propria vita e a sapere con esattezza dove si sta andando.

Scuola Xin Dao

articoli correlati

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

condividi

Ultimi articoli

Quale tattica ama Unai Emery, il Re delle Coppe Europee

Unai Emery è un tecnico spagnolo, attuale allenatore del Villareal, seconda squadra di Barcellona. Cinque anni fa era considerato...

Plantari su misura: cosa sapere?

I Plantari Ortopedici sono presidi ortopedici su misura e vengono sviluppati e realizzati secondo le esigenze del paziente sulla base di un...

Esempi di Esercizi per La Ginnastica Dinamica Militare Italiana

Il principio base della ginnastica dinamica militare è ripristinare la natura umana originaria, eseguire movimenti che costruiscono muscoli e varie parti del...

Cos è La Dieta Paleo

La dieta paleo vuole  riportare la salute umana allo stato in cui si è evoluta in 2,5 milioni di anni per evitare...

Athletic Soccer Academy – ASD Giardinetti: Il Sig. Rossi timbra 3 volte. 0-9

Via di S. Cornelia | Campo Armata del Mare, 12/03/2022 Marcatori: 4’ TOMEI13' ROSSI14'...